27 Maggio Pellegrinaggio Madonnina del Rifugio.  

La prima tappa a conclusione del mese Mariano, è stato il pellegrinaggio alla Madonnina del Rifugio. Ai pellegrini è stato dato appuntamento in chiesa alle ore 17,00, qui una volta presa in consegna da don Mario  l’icona raffigurante Maria , ci siamo messi in cammino, fra un canto mariano e la recita del rosario. Accompagnati da un caldo intenso, da un passo incalzante, e dalle forze dell’ordine siamo giunti alla meta intorno alle 17,45.

Qui ad aspettarci abbiamo trovato gli ammalati e le persone anziane, raccolte in preghiera. Cinque minuti di riposo, giusto il tempo di prendere fiato e via alla celebrazione Eucaristica. La liturgia della Parola, la lettura del Vangelo e poi l’omelia dedicata a Maria questa donna davvero speciale che tiene fra le braccia suo figlio come a volerlo proteggere, ma Maria  ci dice don Mario tiene fra le sue braccia ciascuno di noi, ci protegge, ci aiuta nelle difficoltà, nella malattia, nello sconforto.

Prima della conclusione della celebrazione ci sono parole di elogio per i volontari, ma soprattutto per i Confratelli per la grandiosa opera di ristrutturazione fatta alla Madonnina. Il lavoro iniziato un anno fa, ha visto molte ore del tempo libero di ciascuno di loro impegnate per tale progetto. Ne è valsa la pena perché il risultato ottenuto parla da se. La nicchia dove è incastonata l’icona della madonna, con i suoi colori azzurro bianco spicca alla fine della gradinata tutta realizzata in granito, e a completare l’opera la staccionata in legno e i fari che la illuminano durante le ore notturne, grazie di cuore confratelli, grazie volontari e benefattori. Alla fine per tutti i presenti un rinfresco offerto dai confratelli.

FOTO E ARTICOLO MAURA