GIORNATA DIOCESANA DEI MINISTRANTI

NULE 25 APRILE 2008

 

E’ stata la comunità di Nule ad ospitare il 25 aprile  la Giornata Diocesana dei ministranti.                    

 Più di mille persone fra bambini, catechisti e genitori, dalle nove del mattino si sono radunate presso la palestra per la registrazione dei gruppi, l’accoglienza, e la preparazione con la vestizione, alla marcia festante per le vie del paese.  Anche il gruppo dei ministranti di Bono accompagnati da Franca Mulas la loro responsabile non è mancato all’appuntamento.

Erano presenti quasi tutte le parrocchie della diocesi, da quelle più vicine del Goceano fino  a quelle più lontane come Berchidda e Monti. Intorno alle 10.30 ci si è disposti per la marcia, circa ottocento ministranti con le loro vestine in cui il colore predominante era il bianco il rosso e il nero, hanno percorso le vie principali del paese, e non solo quelle, accolti con gioia dalla comunità che per l’occasione ha addobbato a festa le vie  mettendo ai balconi i tipici tappeti di Nule, fiori e piante.    

La marcia accompagnata dai canti proposti dai seminaristi e dal rettore don Guido Marrosu ci ha portato fino alla chiesa parrocchiale, intitolata alla natività di Maria,qui ad accoglierci oltre al parroco don Mimmino Cossu , c’era anche il vescovo Mons. Pintor.     

La chiesa si è rivelata troppo piccola per accogliere tutte le persone presenti, dopo le prove dei canti,si è celebrata l’ Eucarestia ,presieduta dal Vescovo e concelebrata dal vicario don Leone, dal parroco don Cossu e da quasi tutti i sacerdoti della diocesi.                                                          

Durante l’omelia il vescovo ha voluto sottolineare l’importanza di alcune cose. Ha ricordato ai bambini che bisogna accogliere con gioia la Parola del Signore, Lui vi conosce da sempre, vi  chiama per nome, Lui vi vuole bene, chiede  a ciascuno di voi di annunciare con gioia le parole del Vangelo “Andate in tutto il mondo e dite a tutti quanti che Dio vi vuole bene”. Ad ogni età noi siamo chiamati ad essere suoi testimoni. I ministranti sono persone chiamate al servizio degli altri, e voi lo fate perché dedicate il vostro tempo, a servire la comunità. Il primo ministrante è Gesù stesso, perché  come lui ci ricorda “Io non sono venuto per  essere servito ma per servire”,e voi fatelo con gioia. Prima del termine della celebrazione eucaristica il parroco don Cossu ha voluto ringraziare tutti per la disponibilità e la presenza e poi ha donato ai sacerdoti e ai ministranti un piccolo rosario, segno della preghiera e del dialogo che ciascuno dovrebbe mantenere con il Signore.

Intorno alle 13,00 tutti verso il Centro Pilota, dove la comunità di Nule ha offerto il pranzo a tutti i presenti.  

Dopo il pranzo sono riprese le attività con i giochi: partita a calcio fra i ministranti del Goceano contro Logudoro, e salto alla fune.

Successivamente i seminaristi fra un canto e una testimonianza ,hanno parlato di vocazione, non solo intesa come scelta del sacerdozio o vita consacrata, ma come una scelta di vita messa nelle mani del Signore. Intorno alle 18,00 preghiera finale e saluti del parroco di Nule, rientro a casa felici di aver trascorso una bellissima giornata.

Articolo Maura - Foto Graziella