Grazie…………..grazie di cuore a tutte quelle persone che tra sabato 10 e domenica 11 maggio hanno fatto in modo che, la superstrada fra Bono e Betlemme si tingesse dei colori della solidarietà.

Colori a tinte forti a dimostrazione che Bono è sempre pronta a rispondere con generosità al richiamo dei fratelli più bisognosi.

Considerando che, uno degli obbiettivi del cammino del gruppo  acr è anche quello di educare il ragazzo alla carità-missione, rendendolo partecipe di cị che lo circonda anche al di fuori della propria comunità parrocchiale, noi educatori abbiamo accolto con gioia l’idea di organizzare la gara di solidarietà “Un pane per un fratello” per aiutare la Comunità Salesiana a proseguire la distribuzione gratuita di pane alle famiglie più bisognose di Betlemme, e far capire ai nostri ragazzi che quello poteva essere un modo per realizzare il nostro gesto di carità. Nella due giorni sono stati venduti dei manufatti preparati dai ragazzi della scuola Salesiana, realizzati in ceramica, madreperla e legno d’ulivo, più altri oggettini preparati dai bambini e dalle mamme dell’acr.

Domenica è stata la giornata in cui i bambini sono stati i veri protagonisti. Al mattino tutti in chiesa prove dei canti e celebrazione alle 10,00 della Santa Messa. Qui i bambini (come dice sempre don Mario ) hanno prestato la loro voce a Gesù nella Liturgia della Parola incentrata sulla discesa dello Spirito Santo in quanto domenica della Pentecoste. Poi la lettura del Vangelo e l’omelia.

Don Garau prendendo spunto dalle parole del vangelo ci dice che lo Spirito Santo è lo spirito di Cristo e nel suo insegnamento nulla è più essenziale del perdono. Nella chiesa il perdono viene offerto attraverso i sacramenti del battesimo e della riconciliazione e nei gesti della vita cristiana. In questa giornata di Pentecoste lo Spirito Santo sia la luce che rischiara il vostro cammino affinché siate testimoni credibili dell’amore di Gesù.

Domenica era anche la festa della mamma, durante la preghiera dei fedeli, Giovanna a nome di tutti i bambini ha letto una preghiera speciale dedicata a tutte le mamme, e a Maria la mamma di Gesù.

All’offertorio oltre al pane e al vino, sono stati portati in dono anche i lavoretti realizzati dai bambini per le loro mamme.

 

 Finita la celebrazione Eucaristica ci siamo spostati fuori nella piazza della chiesa, dove intanto si procedeva alla vendita di beneficenza, dandoci poi appuntamento con tutti alle sedici nella piazza Trieste per i Giochi senza Frontiere.

Di pomeriggio causa mal tempo, i giochi programmati non si sono potuti svolgere all’aperto,ma questo non ci ha scoraggiato e con un giro di sms ci siamo dati appuntamento nella Saletta sede degli incontri di acr.

Qui i bambini e le loro mamme hanno giocato dando il loro contributo affinché la gara di solidarietà continuasse. Grande successo ha avuto il gioco il barbiere, ma non da meno anche acchiappa la saponetta.

Poi via alle sfide fra salto alla fune e gare di ula hop, e poi le mani in pasta dove a grande richiesta si sono messe alla prova le mamme.

Alla fine della serata tutti i partecipanti ai giochi sono stati premiati,ricevendo in dono una crocetta in legno d’ulivo realizzata nella scuola Salesiana. Poi musica e battaglia finale a colpi di schiuma da barba.

Un grazie a don Mario, a Luisella, a tutti i bambini e a tutte le mamme che hanno saputo mettersi in gioco, ma in modo particolare dico grazie a  Maria, Graziella, Francesca, Vanna e Piera per tutto il tempo che hanno dedicato per la buona riuscita di questo progetto, e poi in ultimo non perché meno importante, a Dora cara Webmaster come la definisce don Nicola.

                                                                                                                                                                        Maura

Foto Maura, Graziella e Dora ........ e non finisce qui!!!!!                                      CLICCA QUI PER VEDERE LE ALTRE IMMAGINI!!!!